Migliorare il tuo centro fitness: tre punti che tutti trascurano

Nel seguente articolo scopriremo come poter calcolare il tasso di fidelizzazione, cos’è e – soprattutto – come puoi migliorarlo attraverso l’analisi dell’esperienza utente? Riattivazione clienti, cos’è e come metterla in…

martedì,   |   Reading time: 5 min

Nel seguente articolo scopriremo come poter calcolare il tasso di fidelizzazione, cos’è e – soprattutto – come puoi migliorarlo attraverso l’analisi dell’esperienza utente? Riattivazione clienti, cos’è e come metterla in pratica. Sei pronto?

Fidelizzazione

La chiave per il successo in qualsiasi attività passa per il concetto della fidelizzazione. Si tratta della capacità di ritenere i clienti e far sì che siano soddisfatti dei servizi che offri, rinnovando abbonamenti e continuando a frequentare il tuo centro, magari portando un amico! Non solo un cliente fidelizzato è meno incline a vedere i difetti della tua attività e difficilmente tende a “tradire” la vostra fiducia passando alla concorrenza alla prima occasione. 

Ricordate di tenere traccia almeno trimestralmente del vostro tasso di fidelizzazione. Niente di troppo complesso, vi basta dividere il numero di abbonamenti che si sono rinnovati in un certo periodo per il totale di quelli in scadenza. Esempi pratici in questa presentazione, slide 24.

Un’operazione del genere è semplice da eseguire e ti darà un’idea di quanto riesci a “mantenere” un cliente. Un tasso ottimale si aggira intorno al 70% fino a circa il 90%. Hai un tasso più basso? Rimbocchiamoci le maniche allora!

Esperienza utente

La fidelizzazione non è altro che un sintomo, tuttavia. Un sintomo di un’esperienza utente che tiene di conto delle sue esigenze, dal primo contatto col tuo sito/pagina social, passando per l’acquisto di un abbonamento (che deve essere semplice e a portata di click), alla frequenza dei corsi… e non solo. Eventi esclusivi, promozioni limitate, risoluzione conflitti e sessioni di ascolto. Per poter agire utilizzando al meglio i dati dei nostri (ex) clienti e di quelli attivi dobbiamo prima far mente locale e raffinare la nostra esperienza utente.

Ogni parte dell’esperienza del cliente influisce sul suo tasso di fidelizzazione. Potrebbe quindi essere utile ragionare in termini di “user experience design”. Senza stare ad utilizzare paroloni inglesi che confondono le acque o concetti astrusi eccoti cosa puoi fare, nella pratica. Il seguente schema è realizzato con Jamboard ma potete usare altri tool gratuiti come Awwapp o… carta e penna! 

Per la dimostrazione abbiamo preso in esame un centro polifunzionale con attività di di Pole Dance, Yoga e Pilates di piccole dimensioni:

Maria ha fondato il centro e lavora come titolare ed insegnante di Pole Dance. Marco si occupa delle lezioni di yoga e Pilates e sua nipote, Giada, lavora in segreteria.

Cerca di dividere in quattro blocchi l’esperienza di un abbonato, includendo quali sono i punti di contatto con la tua attività, gli attori coinvolti e le attività che possono influire su quella tappa. Includi domande che possono esserti utili.

Una volta messo tutto su carta, conoscendo la tua situazione, Maria potrà già intravedere i suoi punti di forza o le falle che devono essere riparate/migliorate… Ed avrà tutti ingredienti necessari per mettere in sesto un vero e proprio piano di azione. 

In questo caso Maria ha concluso che potrebbe migliorare la fidelizzazione adottando un sistema di prenotazione online che le permetta di risparmiare tempo prezioso nell’amministrazione dello studio. Tempo, che potrà dedicare ad ampliare l’offerta di lezioni di Pole Dance (sempre più richieste) e portarle da 3 a 5 alla settimana! Avrà più tempo libero e, d’altronde, Giada sta per ottenere la certificazione di insegnante di Pole Dance e le potrà dare una mano. Giada fu una delle sue prime allieve, che soddisfazione, il suo talento sarà meglio sfruttato in sala con una classe di principianti rispetto che in segreteria…

E tu? Cosa puoi migliorare? Hai già sistemato questa parte della tua attività? Magari ti interessano strategie di prevendita e affiliazione! Scopri di più.

Riattivazione

Perché parlare di riattivazione? Abbiamo già parlato di riapertura e della situazione del mondo del fitness in Italia e, in uno scenario dove ancora gli iscritti hanno paura di riaffacciarsi alle attività in luoghi chiusi è bene cercare di agire per “preparare” l’utenza a tornare al centro. 

Per riportare i clienti al tuo centro essi devono potersi sentire sicuri. In quanto responsabile della tua attività avrai già preso tutte le misure del caso. Certo, un’esecuzione impeccabile di tali misure di sicurezza è un obbligo, tuttavia, siamo sicuri, che nonostante tutti questi sforzi ti sei dimenticato di comunicare tutto ciò decentemente! 

Ed ecco che entrano in gioco la tua base di dati… Per esempio, coloro che non hanno rinnovato negli ultimi 6 mesi potrebbero essere disposti a tornare, con qualche “spintarella”. Prova a metterti in contatto con loro integrando elementi di “sicurezza” nel tuo piano comunicativo ed aggiungendo qualche incentivo. 

In pratica, cosa potresti fare per risvegliare il loro interesse? 

  • – Foto che dimostrano uso di mascherina e mantenimento delle distanze minime 
  • – Stories/foto di clienti che si allenano in sicurezza 
  • – Newsletter che racconta come abbiate superato la difficoltà e siate pronti a ripartire
  • – Lezioni di test! Offri una lezione gratis per far valutare ai tuoi clienti se si sentono a loro agio ad allenarsi di nuovo: potranno sperimentare le nuove misure e protocolli e decidere se ritengono abbastanza sicura l’esperienza. Con FitogramPro potrai facilmente creare lezioni e abbonamenti di prova.  
  • – Lezione ibrida: fai seguire online da casa una lezione in loco per dimostrare la ripresa in sicurezza. Ne parliamo in maniera più approfondita qua!
  • – Foto del tuo nuovo sistema di prenotazione FitogramPro con un accento sul controllo dei posti disponibili!

Non preoccuparti se non ottieni risultati istantanei. In molti avranno bisogno ancora di un po’ di tempo ma queste azioni preparano progressivamente gli atleti a tornare, magari più attiva di prima! 

Non possiamo prevedere se la situazione cambierà di nuovo e sarà necessaria un’ulteriore interruzione. Tuttavia rimane nelle nostre facoltà creare incentivo e comunicare la messa in sicurezza! Al prossimo articolo strategico su “prevendite e porta un amico”. Ti piace questo contenuto? Seguici su Facebook a @FitogramIT per non perderti tutte le novità.

Hai già il tuo account FitogramPro?

Registrati ora

More from Fitogram:

Fitness – sviluppare un’applicazione. Perché adesso è il momento giusto?

La nuova stagione è iniziata, come ti sei attrezzato? Hai un nuovo tariffario? Nuovi corsi? Ti sei già digitalizzato? Offri già un portale per gestire prenotazioni e abbonamenti? Come ben saprai già FitogramPro si specializza proprio in questo: darti, gratuitamente, uno strumento di prenotazione e gestione per la tua attività. Ma cosa fare se vuoi […]

Palestra? Tre motivi perché dovresti diventare una fitness boutique

In questo articolo cercheremo di spiegare innanzitutto il concetto di fitness boutique e proporremo 3 motivi per i quali, se hai un’attività nel settore del fitness, potresti voler abbandonare la vecchia struttura, riconvertire gli spazi a tua disposizione e specializzarti in discipline più concrete, soprattutto adesso che il panorama del mercato ha subito uno scossone […]

Prevendite & porta un amico – strategie per la nuova stagione fitness

In questo articolo parleremo di alcune buone pratiche per fomentare il passaparola, come la condivisione degli eventi e gli schemi di affiliazione per terminare con prevendite: idee e come effettuarle nella pratica su FitogramPro.  Porta un amico: come ottenere nuovi clienti Il passaparola è il sogno di qualsiasi professionista del fitness, un utente talmente soddisfatto […]